Festa con molti profumi su misura

Festa con molti profumi su misura

Spesso mi viene chiesto di realizzare una festa con molti profumi su misura in tempi brevi, è il caso di una festa con 60 profumi su misura per un anniversario importante. Il primo progetto è stato frutto di una esigenza di Enzo Miccio ma il dover fare arrivare materiali contenenti alcool e quindi altamente infiammabili in Sicilia ha comportato problemi. Successivamente il progetto è stato messo a punto per l’agenzia “Palazzo Eventi” specializzata nel turismo russo di elite e ho avuto modo di fare belle esperienze organizzative. Sono tutti eventi che non concedono spazio a improvvisazioni e richiedono un elevato livello di privacy e per questo non faccio mai foto. Ecco come si può fare una festa con molti profumi su misura diversi uno dall’altro: Il Profumiere Leonardo Opali presenta i materiali e dà indicazioni comuni a tutti e poi gira assieme all’assistente (laureata in farmacia,  e con vari Master come Formulazione) tra i tavoli a seguire il lavoro dei partecipanti che alla fine confrontano i loro profumi e si scambiano formule e pareri sul loro profumo su misura. In questo caso è una realizzazione di gruppo in parallelo e comporta il lavoro simultaneo di tutti i partecipanti, è una esperienza molto divertente e interessante. La seconda modalità una festa con molti profumi su misura (foto Museo Branca Milano, presentazione alla stampa dello spot pubblicitario Mediaset di Fernet Branca) è quella di predisporre un primo corner con i materiali da annusare affinché l’ospite si faccia una idea dei suoi gusti e poi un secondo corner dove il Profumiere, davanti all’ospite, sbilancia una apposita base verso la nota preferita. In questo caso...
Lavanda e Patchouli: Cena GustOlfattiva in Locanda Cialamina

Lavanda e Patchouli: Cena GustOlfattiva in Locanda Cialamina

Un’esperienza dove profumi e sapori entrano in simbiosi e le emozioni diventano protagoniste assolute. Sono queste le Cene Gustolfattive firmate TAF… e la prossima è alle porte! Le cene si svolgeranno in Locanda Cialamina a Palagano (MO), sull’Appennino Modenese uno storico casale situato sull’antica via Vandelli, meta di viandanti da centinaia di anni, perfettamente ristrutturato e con possibilità di pernottamento. Primo appuntamento: Venerdì 30 Novembre ore 20, sarà un’esperienza polisensoriale dove “assaporeremo” il cibo con il gusto, con l’olfatto e con le emozioni. Sarà una cena dove nulla  sarà lasciato al caso e dove ogni piatto sarà l’occasione per un parallelismo con il magico mondo delle fragranze e per conoscere vari aspetti dei materiali usati nel mondo della profumeria Accompagnati dalla sapiente guida del profumiere Leonardo Opali, vi dimostreremo in maniera pratica e divertente quanto l’olfatto sia fondamentale in ogni esperienza in cui crediamo che il senso predominante sia solo il gusto. Temi della serata gustolfattiva saranno due essenze come la lavanda e il patchouli ma si potrà assaporare una erba cinese denominata “Sorriso degli Angeli” tanto cara ad un famoso chef stellato e cliente TAF.  Un modo originale, informale e molto gustoso fatti di varie serate per intraprendere un viaggio tra fiori, aromi, spezie, profumi e tra le loro storie e gli aneddoti meno conosciuti. La Cena GustOlfattiva è progettata da Leonardo Opali in collaborazione con la Chef Enrica Forti di Locanda Cialamina. MENU Aperitivo  in veranda con prosecco al Rosolio e  antipasto con formaggi Locali Caprini e vaccini, miele e Lavanda (a parte) Torta di patate e riso al rosmarino e fiori di Lavanda Polentina con fonduta di taleggio e “Sorriso...
Leonardo Opali allo Smell Festival

Leonardo Opali allo Smell Festival

Presso lo Smell Festival di Bologna si potrà  partecipare alla realizzazione dell’aura olfattiva di un’opera polisensoriale di Frances Middendorf e Leonardo Opali molto ammirata nella recente mostra a Tambaran Gallery a Manhattan. Si raffigura visivamente e olfattivamente il Cavaliere veneziano Bonifacio Pojana, condottiero premiato dalla Serenissima con il territorio che porta ancora il suo nome. Egli è raffigurato mentre scende da cavallo e entra nella sua villa fatta erigere dal Palladio e protetta dall’Istituto Regionale Ville Venete per la preziosità dei suoi affreschi. Questo territorio fu tra i primi a vedere la coltivazione della nuova droga di grande diffusione dell’epoca: il tabacco e Venezia fu proprio la prima a legiferare a riguardo fino a far nascere il Monopolio di Stato. Le ville Venete erano usate come residenze ricreative estive e luoghi di ozio e di salotti culturali ma erano di fatto delle grandi e moderne fattorie realizzate per investire le enormi ricchezze venete in un tempo dove il 75% dell’oro d’Europa era proprio nella ricca Venezia e in un tempo di pace di 500 anni assolutamente libero da guerre. L’opera consiste in un quadro e un profumo, si annusa e si entra nel quadro, il quadro è in bianco e nero e i colori sono i profumi. Ogni partecipante sarà guidato al processo di realizzazione delle sua interpretazione dell’opera che ha il tabacco come tema attraverso la combinazione di materiali unici e rari. Sarà una replica di quanto fatto in gennaio a Manhattan con l’opera “Villa Venier Contarini” Ecco il link alle info date dallo Smell Festival Il profumo da solo è in vendita al Rhone Island Scool of...
Architetto Gaetano Pesce e la provocazione olfattiva

Architetto Gaetano Pesce e la provocazione olfattiva

Arriva a Padova la grandiosa mostra di Gaetano Pesce, il guru del design e della creatività artistica di Broadway anche attraverso la provocazione olfattiva del profumiere vicentino Leonardo Opali. Dopo l’esposizione al Museo del 900 a Firenze curata da Vittorio Sgarbi, ecco una seconda mostra dove un’opera di Leonardo Opali è utilizzata dall’Architetto Pesce per dare polisensorialità alle sue provocazioni e ai suoi oggetti di design che sono prima di tutto opere di arte moderna. Anche la realizzazione profumata rompe gli schemi ed è un vero e proprio esperimento polisensoriale ancor prima che una provocazione olfattiva. Dopo aver ricevuto carta bianca dall’Architetto Gaetano Pesce, Leonardo Opali ha realizzato un odore corporale accuratamente bilanciato per avere effetti molto variabili tra persona e persona, 4 persone su 20 infatti lo troveranno irresistibile, è un interessante test da fare con gli amici naturalmente visitando la mostra. Il secondo meccanismo è la contaminazione polisensoriale, ovvero se viene presentato come un profumo urbano, aumenta il numero delle persone che lo trovano interessante, se viene presentato come odore di ascella, la percentuale di gradevolezza diminuisce anche tra le persone esperte di profumi. Questo sta a dimostrare che in realtà l’olfatto lo possiamo elaborare con diverse parti del cervello in funzione di altri sensi come la vista e l’udito. Questo stesso esperimento di contaminazione polisensoriale è stato fatto in altre 3 occasioni da Leonardo Opali e tutte e tre le volte la medesima profumazione è stata recepita molto diversamente a seconda di come veniva presentata e di come appariva visivamente. L’architetto in questo caso ha voluto raffigurare olfattivamente ciò che viene oltre l’ideazione e la progettazione dell’opera:...
Valle dell’Agno Valle profumata

Valle dell’Agno Valle profumata

Il 24-25 marzo 2018 è nato un profumo esclusivo che solo pochi potranno avere, un profumo che rappresenterà la valle dell’Agno e sarà nella disponibilità del Sindaco di Cornedo. Un profumo ispirato a Villa Trissino. A Villa Trissino, infatti, si è svolto con gran successo di partecipazione l’evento “L’arte del profumo”.  E’  la quarta villa veneta della collezione “Passion of Palladio”a essere raccontata con disegni dell’artista newyorkese Frances Middendorf, “colorati” con i profumi del profumiere vicentino Leonardo Opali, ed è stata la replica della mostra inaugurata a Manhattan lo scorso 20 gennaio. Leonardo Opali realizza profumi su misura in quel di Arzignano ma è originario della vallata dell’Agno e la manifestazione è stata l’occasione per un “ritorno a casa” pieno di bei ricordi. Tra i vari eventi collaterali alla mostra, organizzati con grande maestria da Carmen Gasparini del Centro Studi Paolo Sarpi, ci sono stati 4 workshop profumati e un concorso profumato. Frances Middendorf con le sue 2 assistenti ha guidato i presenti alla composizione pittorica tramite l’utilizzo di oli essenziali profumati nel primo workshop. Leonardo Opali, con le sue due assistenti, ha guidato i presenti in 3 workshop, con tre gradi di difficoltà crescente, alla composizione finale di un profumo che una apposita commissione ha scelto per rappresentare nel mondo la villa e che sarà di ispirazione per il relativo disegno della pittrice newyorkese. La giuria era composta dal compositore di fragranze Martino Cerizza, dal Sindaco Martino Montagna e da Presidente della confraternita della Corniola, rara bacca simbolo appunto del comune di Cornedo. Appassionati della Valle dell’Agno, ma anche di Bassano, Vicenza, Padova, Rovigo, Copenaghen, sono accorsi a...
Profumieri per un giorno

Profumieri per un giorno

The Art of Scent – Profumieri per un giorno: 3 workshop per imparare l’ABC della composizione di profumi. Una giornata dedicata alla creazione di fragranze nella cornice di Villa Trissino.   Vi ricordate i workshop Profumieri per un giorno che abbiamo tenuto a New York lo scorso 20 gennaio? Sta per tornare anche in Italia l’appuntamento che unisce l’arte al mondo delle fragranze, dedicato a tutti coloro che vogliono avvicinarsi al mondo della creazione di profumi. Il prossimo 25 marzo andrà in scena The Art of Scent – Profumieri per un giorno, una giornata per immergersi nel mondo dei profumi con 3 diversi workshop di circa un’ora ciascuno che accompagneranno i partecipanti nella creazione di 3 diverse fragranze. I primi 2 workshop sono pensati per il livello principiante e intermedio, mentre il terzo workshop – che potrà essere seguito esclusivamente da coloro che avranno partecipato ai primi 2,  è quello che permetterà ai partecipanti di mettersi alla prova realizzando la loro fragranza, sulla base di un brief, che sarà valutata da una giuria. In quest’ultimo workshop, infatti, sotto la guida del Profumiere Leonardo Opali e della Dott.sa Costa, a ciascun partecipante sarà chiesto di realizzare un profumo sulla base di un tema: comporre una fragranza ispirata a Villa Trissino, la antica dimora di caccia di Giangiorgio Trissino nonché splendida location dell’evento. La giuria che premierà la miglior realizzazione olfattiva sarà formata dallo Special Guest Martino Cerizza, compositore di fragranze, e da Frances Middendorf, artista newyorkese che ha realizzato i disegni che costituiscono con i profumi la collezione “Passion of Palladio”. La fragranza vincitrice diventerà patrimonio della Villa e diventerà parte integrante dell’opera...